Rivestimenti sottili da posare sul pavimento preesistente

rivestimenti sottili pavimenti

Non sempre, in caso di ristrutturazione di una casa o di semplice rinnovo del look di una stanza, si vuole affrontare l’impegno di una totale rimozione della pavimentazione preesistente, con relativo sottofondo.

La scelta di rivestimenti sottili, da posare sul vecchio pavimento, oltre risolvere il suddetto problema, ne evita anche un altro: la nuova finitura di spessore minimo messa in opera su quella vecchia crea un innalzamento di quota irrisorio, che non comporta la altrimenti necessaria “revisione” in altezza delle porte.

I rivestimenti sottili di ultima generazione, infatti, permettono di conservare e non demolire le superfici esistenti, risparmiando quindi anche tempo e denaro, senza alzare troppo la quota del pavimento.

E anche senza abbandonare l’idea di sostituire impianti tecnici datati: abbandonati e scollegati i vecchi circuiti elettrici e idraulici, si può infatti prevedere nuove tracce nel sottofondo per tubi e cavi, senza rimuovere tutto il materiale sul solaio.

Una volta richiusi i passaggi basterà poi controllare la planarità dell’insieme, pulendo perfettamente da incrostazioni e livellando avvallamenti, e posare direttamente sopra i nuovi rivestimenti sottili.

Altro vantaggio è che, se fino a poco tempo fa il ventaglio di possibilità era ristretto solo ad alcune tipologie di prodotto, oggi tra i rivestimenti sottili si annovera un ricco catalogo di proposte, che include persino il parquet.

 

Fonte: Cosedicasa.com

0 commenti

Lascia un Commento

Vuoi partecipare alla discussione?
Fornisci il tuo contributo!

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *